TASTE PURE NATURE

The Fortuitous Fukurokuju

Il nostro nome deriva da una delle Sette Divinità della Fortuna della mitologia giapponese, Fukurokuju, che significa "felicità" (fuku), "ricchezza" (roku), e "longevità" (ju). Bevete Fukuju e sarete benedetti dalla fortuna!

OUR SAKE FIND FUKUJU OUR BREWERY

ABOUT SAKE VISIT US JAPANESE WEBSITE

Il sake è speciale; spesso, come il vino, viene servito con il cibo e ne esalta il sapore. Ma il processo di fermentazione è diverso, più simile a quello della birra, eppure non è neanche come quest'ultima. Si può bere da solo o con una varietà infinita di piatti di varie cucine. Servito a diverse temperature, a partire dal freddo per arrivare fino al caldo, lo stesso sake rivelerà una gamma sorprendente di sapori.

Processo di produzione del sake

Il sake è composto di pochi ingredienti, perciò ciascuno deve essere selezionato accuratamente per garantire purezza e gusto. I chicchi di riso vengono macinati finché rimane soltanto la parte centrale, ricca di amido. Più è intenso il processo di macinazione, più è pregiato il sake. L'acqua (Miyamizu) usata deve essere pura e avere il giusto contenuto di minerali. Uno speciale tipo di muffa (aspergillus oryzae) trasforma il riso in zucchero, mentre i lieviti convertono contemporaneamente quest'ultimo in alcol.

Origini e storia del sake

Il sake viene bevuto e utilizzato per cerimonie religiose, come quelle shintoiste, da più di duemila anni. La coltivazione irrigua del riso è stata introdotta in Giappone intorno al 300 a.C., ma il sake ha probabilmente visto il suo sviluppo durante il periodo Nara (710-794 d.C.) come menzionato varie volte nel Kojiki, la prima opera scritta che documenta la storia del Giappone, risalente al 712 d.C.

Il sake Junmai è uno dei più pregiati. È sake puro, senza aggiunta di alcol e prodotto con riso estremamente raffinato assieme a metodi produttivi complessi e impegnativi. Ha anche un livello di acidità più alto rispetto agli altri.

Il sake Ginjo viene prodotto in diversi stadi complessi e impegnativi, senza l'uso di macchinari e con metodi tradizionali. Si impiega riso estremamente raffinato che viene fatto fermentare a temperature più basse per lunghi periodi. Ha un gusto leggero, aromatico, fruttato e raffinato.

TOP